Guida di Viaggio per il Marocco – Itinerario per 7 giorni

Guida di Viaggio per il Marocco – Itinerario per 7 giorni

Lo scorso Aprile ho trascorso 7 giorno in Marocco – di seguito la mia guida di viaggio, con alcuni suggerimenti per pianificar eil vostro viaggio al meglio.

Avevo 7 giorni pieni in tutti – esclusi 2 di viaggio e avevo inizialmente deciso di passare 3 giorni a Marrakech, 1 a Essaouira e 3 giorni per un viaggio su strada con destinazione finale il deserto di Merzouga. Poi le cose sono leggermente camnbiate a causa di qualche “problemino” last-minute.

🍃 Giorno 1 – Da Tenerife a Marrakech

Il nostro viaggio è iniziato con un volo da Tenerife alle 18:00 con stop a Casablanca e arrivo a Marrakech per le 23:40.

Ho deciso di non visitare Casablanca visto il tempo limitato che avevo  a disposizione. Avendo il lusso di più tempo avrei visitato ogni angolo del Marocco – ma hey, non era il mio caso. L’aereoporto di Casablanca era piuttosto piccolo e spartano, per fortuna la nostra sosta prima del volo succesivo non è durata molto.

Arrivati all’aereoporto di Marrakech abbiamo preso un taxi fino alla Medina. Come forse già saprete, la Medina non è accessibile da auto ed è inoltre un vero labirinto, dove orientarsi è quasi impossibile alla prima visita.

La nostra prima destinazione era il Riad Chi Chi. Lo staff ci aveva caldamente raccomandato di non andare soli al riad vista l’ora del nostro arrivo e hanno inviato un membro dello staff ad incontrarci alla piazza principale per guidarci fino in hotel.

Sono piuttosto sicuro delle mie doti di orientamento ed ero decisamente tentato di trovare da solo la strada per il riad tramite google maps. Alla fin fin però sono contento di aver messo l’orgoglio da parte, acoltato i consigli di Gianni e di essermi affidato al Riad, poiché probabilmente avrei finito col perdermi almeno 3-4 volte!

Arrivati al Riad ci siamo rilassanti nel silenzio e nelal tranquillità del riad (un contrasto incredibile con le chiassose strade percorse) prima di andare a letto.

Waiting time at the airport
Night Arrival at La Medina - Riad Chi Chi thanks for the guide!

🍃 Giorno 2 – Primo giorno a Marrakech

Primo risveglio a Marrakech. Facciamo colazione al riad con pancakes a forma di cuore, succo d’arancia fresco e varie tajine.

Breakfast at Riad Chi Chi
<3 Cuteness for breakfast

Subito dopo andiamo al:

  • Jemaa el fna, la piazza ed il mercato principa;e di Marrakech, questo posto è aperto e pieno di persone 24 ore al giorno. Siamo andati qui come prima tappa per fare ua sim card con internet per poterci orientare indipendentemente tra le varie stradine. Raccomando tantissimo di fare una scheda con internet per essere del tutto autonomi ed anche per evitare di cheidere indicazioni il più possibile (come avrete letto online su altri siti, ovunque ci sono persone che provano a fermarti in tutti i modi spesso dandoti indicazioni sbagliate. A noi è successo molto spesso, anche se non richieste, per cui provate a evitare di chiedere indicazioni per strada se possibile).
Jemaa el Fna

Dalla piazza si può camminare verso:

  • La Moschea Koutoubia: La più grande moschea di Marrakech. La moschea è anche conosciuta con molti altri nomi, tra cui Jami’ al- Kutubiyah, moschea Kotoubia e Moschea dei venditori di libri.

Con il potere conccesoci da Google Maps, possiamo ora iniziare ad esplorare il resto della città. Ecco cos’altro abbiamo visitato il giorno 1 a Marrakech.

  • La Medina: Come ho gia menzionato questo posto è un vero labirinto, pieno di negozi, ristornati, caffetterie e riad. È un posto magnifico da esplorare ma attenzione a non perdersi per davvero! È un posto da sogno, ma allo stesso tempo tenete gli occhi sempre ben aperti in quanto diverse persone sono pronte a riportarvi presto alla realtà se vi vedranno camminare troppo tra le nuvole.
La Medina
مش
  • Ben Youssef Medersa:
    La scuola Islamica situata di fronte la moschea Ben Youssef, dove poter vedere alcuni pezzi d’arte e d’architettura più belli di Marrakesh.
Ben Youssef
Me at the Ben Youssef

Nelle vicinanze troverete anche un altro importante monumento:

  • Almoravid Koubba: Anche chiamato Koubba Ba’adiyn, è l’edificio più antico di Marrakesh e l’unico edifico Almoravid rimasto in Marocco. Non ha preso molto del nostro tempo poichè l’edificio può essere visitato solo da fuori visto che è in rinnovazione da un parecchio!
  • Abbiamo poi fatto una stop al Caffe Ristornate Jaj Jamal per uno snack. Questo posto è super centrale con una vista incredibile di Marrakech, giusto di fronte il Ben Youssef. Stranamente questo posto era quasi vuoto anche se aveva ottimi prezzi, buona qualità e recensioni positive su Tripadvisor. Qui ho avuto la “brillante idea” di prendere una coppa di frutta fresca che quasi sicuramente mi ha causato un intossicazione alimentare che ha impattato poi sui miei piani.
Coffee Break with a view
  • Dopo il nostro snack break siamo tornati al Riad per poi provare l’esperienza classica di un Hammam. Se siete cuoriosi e volete saperne di più, leggete quest’altro articolo che ho scritto.
Hammam Experience at Riad Ariha

Una volta tornati al riad ho iniziato a sentirmi poco bene con lo stomaco e sfortunatamente sono rimasto K.O. per circa 24 ore.

🍃 Giorno 3 – Seconda giornata a Marrakech

Dopo due notti al Riad Chi Chi ci stiamo spostati in un altro Riad, il Riad Karmela Princesse. Questo è sicuramente il riad più bello che abbiamo visitato, con l’architettura e il design più ricercati.

Riad Karmela Princesse
Riad Karmela Princesse

Un membro dello staff del Riad è venuto al primo Riad per guidarci fino alla nostra nuova destinazione. Il solo camminare per 10 minuti per me è stato difficilissimo, il mio stomaco faceva un male incredibile e una volta arrivato nella nuova stanza mi sono costretto a riposare per quasi l’intera giornata e sfortunatamente non siamo riusciti a vedere molti di Marrakecvh quel giorno. Solo nel pomeriggio tardo siamo di nuovo andati a passegiare per la medina e anche a visitare:

  • Le Jardin Secret:
    Questo è uno dei più grandi e antichi Riad della medina di Marrakech ed è ora accesibile ai turisti come giardino publico. Personalmente consigliare di andare qui solo si ha un ora extra a Marrakech. Se il vostro tempo è molto limitato e avete intenzione di visitare solo uno dei tanti giardini in città, consigliare di scegliere i Jardine Majorelle, che per sono di gran lunga più notevoli.
Jardin Secret

🍃 Giorno 4 – Terza Giornata a Marrakech

Il terzo giorno a Marrakech abbiamo camminato dalla Medina fino ai:

  • Jardin Majorelle: Il vostro Riad od hotel probabilmente vi suggeriranno di prendere un taxi, poichè a piedi ci si impegano circa 30 minuti, ma noi abbiamo optato comunque per la cammianta, ed è stata un ottima occazione per vedere alcuni degli angoli meno turistici e autentici della città.
    I Jardin Majorelle sono tra i posti che più mi hanno colpito di Marrakech. Sono un luogo fiabesco e artistico. I giardini sono anche conosciuti per essere stati amati molto e poi ristorati da Yves Saint Laurent.
Jardin Majorelle
Gianni at Jardin Majorelle
waterlilies and palms' reflections

Dopo un paio d’ore passate ai Jardin Majorelle, abbiamo preso un taxi per andare verso la zona sud di Marrakech e visitare:

  • El Badi Palace, le rovine di un palazzo che in passato ospitava sontuose feste regali. Qui è anche possibile visitare le vecchie prigioni sotteranee.
Badi Palace
Prisons' hallways
  • Palais de la Bahia, un palazzo del 19th ed un complesso di giardini. 
Palais de la Bahia.
Little Prince

🍃 Giorni 5-6-7 – Tour nel deserto

Dopo tre giorni pieni a Marrakech siamo partiti per il nostro viaggio su strada in giro per il Marocco.

L’itinerario per il primo giorno include:
Marrakech – Le Montagne Atlas-
Ait Benhaddou – Ouarzazate – La valle delle rose – Le gole Dades

GrayLine ci ha accompagnato in questo viaggio – e consiglio fortemente qusto tour operator se state pianificando anche voi un escursione simile. GrayLine sono venuti al nostro riad per accompagnarci al minivan con cui siamo partiti da Marrakech per arrivare fino alla valle Dades (Dades Gorges) attraversao le montagne Atlas. Il percorso attraverso le montagne Atlas è incredibile, queste sono famose per i loro colori rosso accesso con varie sfumature nel giallo e nel verde e ci saranno diverse sosti lungo la via per vedere i tradizionali villagi Berberi.

Attraversate le montagne la fermata successiva è Ait Benhaddou, questo luogo è patrimonio mondiale dell’Unesco ed è anche conosciuto per essere stato il set di alcune scene di Game of Thrones, nel mondo di GOT questa città prende il nome di Yunkai e se siete fan dello show probabilmente vi  sarà familiare.

La stop finale del tour è ai film studios ad Ouarzazate. Qui abbiamo pranzato per poi fermarci per la notte. Avendo il pomeriggio libero abbiamo girato la città a piedi e visitato il Kasbah Taourirt. Ouarzazate è piccola, poco turistica e il centro facilmente percorribile a piedi.

Climbing the Atlas Mountains
Top of Atlas Mountains
Berber Village
Argan Oil Fabric
Snaps on the road
Children playing at Ait Benhaddou
Ait Benhaddou Streets
Atlas Mountains
Breaker of Chains
Ait Benhaddou at the horizon
Ait Benhaddou Bridge
Film studios in Ouarzazate
Kasbah Taourirt
Kasbah Taourirt
Kasbah Taourirt

Itinerario del secondo giorno di road trip:
Valle delle rose – Le gole di  Dades – La gola Todra – Il fiume sotteraneo – Merzouga (Giro in cammello e notte nel deserto)

Dopo colazione abbiamo continuato il nostro viaggio attraverso la valle delle rose (che abbiamo ammirato principalmente dal nostro van), diretti verso le gole di Dades.
Le vallata di Dades si trova tra due fiumi e sembra appartnere ad un altro pianeta. Sicuramente uno dei momenti più belli di questo viaggio in Marocco e potendo tornare qui passerei più tempo in questa zona.

Abbiamo anche visitato le gole di Todra e altri villagi berberi lungo la strada. Abbiamo poi fatto un’altra stop per visitare la tenda di un beduino ed il tunnel sotteraneo che lui stesso ha scavato dove in passato scorreva un fiume sotteraneo.
Gianni ha anche fatto una competizione di spaccate con lui prima di andarcene – un classico insomma.

Nel pomeriggio tardo siamo arrivato a Merzouga. In teoria avremmo dovuto lasciare il nostro bagaglio in hotel, preparare una piccola valigia con il necessario per una notte e prepararci per una cammelata nel deserto del Arg Chebby per poi campeggiare tra le dune.

Questo però non è quello che il Sahara aveva in mente per noi e a causa di una forte tempesta di sabbia abbiamo dovuto passare la notte in hotel. Ci siamo comunque avventurati per una camminata nel deserto ma il vento era troppo forte per godere a pieno di questa esperienza

Roses Valley
Dades Gorge
Gray Line Mini Bus
Lil Donkey
Road Trips Breaks
Dades Gorge
Gianni at Dades Gorge
Dades Gorge - Walking by the river
Me at Dades Gorge
Road Trip Moments
Bedouin Cave
Gianni having a splits competition

Road Trip Giorno 3: Merzouga – Alnif – N’kob – Valle di Draa – Montagne Atlas  – Ritorno a Marrakech

L’ultimo giorno ci siamo svegliati prestissimo per una cammellata nel deserto prima dell’alba.
Gli organizzatori del tour hanno fatto del loto meglio per farci provare quest’esperienza ma con una tempesta di sabbia in corso non c’è molto che si possa fare, il nostro giro in cammello è stato breve ma divertente.

Abbiamo poi iniziato il nostro luuungo viaggio di ritorno per Marrakech, dovendo fare in un giorno il tragitto che all’andata avevamo diviso in due giornate.

Abbiamo fatto poche soste lungo il ritorno in alcuni villagi berberi e in un punto diverso delle gole di Dades. Il viaggio di tirono è lungo e decisamente stancante. Una volta di ritorno al riad in tarda serata ci sentivamo come due zombie. In serata abbiamo anche cambiato Riad per l’ultima volta per passare le ultime due notti al riad Yamina.

From where I stay
Peace for the eyes
Sand Storm
Camel Ride
Gi in the Sahara
Camel Ride
Camel Rise during sunrise
Gi looking at the storm
On the way back home

🍃 Giorno 8 – Viaggio Cancellato ad Essaouira – Quarto giorno a Marrakech

Il giorno dopo il nostro viaggio in auto avevamo in programma un altro day trip con GrayLine per visitare Essaouira. Alla fine però abbiamo deciso di cancellare questa gita poichè purtroppo dopo il lungo viaggio in strada di dieci ore, il mio stomaco era di nuovo in sobbuglio e l’idea di un altro viaggio in auto non era più molto invitante. Una ragione in più per tornare in Marocco. Il nostro ultimo giorno siamo quindi andati a visitare:

  • Le tombe Sa’diane, posto di sepoltura del sultano Amhed el mansour e della sua famiglia. Questo posto si trova nella zona sud di Marrakech, vicino al Badi Palace e al Palazzo de la Bahiaa che avevamo visitato nei primi giorni. Se non avete tanto tempo a dispozioni e potete visitare solo alcuni di questi luoghi a sud di Marrakech, suggerirei di saltare le tombe (il luogo che meno mi ha colpito tra i tre).
Saadian Tombs Gardens
Saadian Tombs Interior
Saadian Tombs

Siamo poi andati verso:

  • i Giardini Menara: Questi giardini erano molto affolati con persone del luogo. Qui si può passeggiare tra gli olivi per arrivare fino al centro dei giardini dove si trova una grande fontana. È sicuramente un bel posto per far foto anche delle montagne vicine, ma di nuovo se avete poco tempo a disposizione, non includerei questo posto nella lista delle cose da vedere assolutamente.
Menara Gardens

Alla fine siamo tornati alla Medina per una passegiata tra le labirintiche strade per poi tornare al Riad Yamina, per goderci un poco l’ambiente rilassante della corte del riad.

Riad Yamina
Riad Yamina
Riad Yamina
Riad Yamina

🍃 Giorno 9 – Ritorno a Tenerife

L’ultimo giorno abbiamo preso un taxi per l’aereoporto per prendere un volo alle 10:20 dall’aereoporto di Marrakech. Dopo una fermata a Casablanca siamo atterati a Tenerife per le 17:00 – casa cibo e il tanto agognato letto!

Lascia un commento

Chiudi il menu
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: